Poesia di Giuseppe Gioacchino Belli su Roma Romani Romanesco
Poesia su Roma Romani Romanesco di Giuseppe Gioacchino Belli
Newsletter un Aforisma al Giorno
Pagina Facebook di Apoftegma
Canale Telegram di Apoftegma
Chatta su Messenger Apo il BOT di Apoftegma
Twitter Apoftegma
Frasi e Aforismi by Apoftegma.it
Frasi, Aforismi e Poesie by Apoftegma.it

FrasiPoesia Li debbiti di Giuseppe Gioachino Belli (Roma Romani Romanesco)



Nun zò mmorto: sò stato un anno e mmezzo
Carcerato pe vvia d’un creditore
Che ddoppo avemme limentato un pezzo
M’ha abbandonato con mi gran dolore.
Io a sta vita sce sò ttanto avvezzo,
C’oggni vorta che in grazzia der Ziggnore
Faccio un debbito novo e ariccapezzo
De tornà ddrento, me s’allarga er core.
Che vviggna! maggnà e bbeve alegramente
A ttutta cortesia de chi tt’avanza:
Dormí la notte, e ’r giorno nun fà ggnente:
Stà in tanti amichi a rride in d’una stanza,
O a la ferrata a cojjonà la ggente...
Ah! er debbituccio è una gran bella uzanza!
<< Poesia Precedente | Poesia Successiva >>
<< Giuseppe Gioacchino Belli | Roma Romani Romanesco >>

Poesie bellissime Giuseppe Gioacchino BelliPoesie Giuseppe Gioacchino Belli


Cerca la Frase o l'AforismaCerca Aforismi


Testo:
Autore:
Categoria:


Seguici sul nostro canale telegram

Chatta Con APO, il nostro Assistente VirtualeChatta con APO


APO è il nostro assistente virtuale che ti aiuta a trovare le frasi che cerchi...
Chatta con APO, il BOT Messenger di Apoftegma.it

Ricevi un Aforisma al GiornoUn Aforisma al Giorno


eMail:
Accetto(*): Trattamento Informativa Dati
Cancellati

Facendo click su Registrati, accetti le nostre condizioni sul trattamento dati, l'informativa è a fondo pagina non facciamo spam, non facciamo pubblicità.

De Bello GallicoTraduzione De Bello Gallico


Giulio Cesare, De Bello Gallico
Traduzione Italiano-Latino
Traduzione Latino-Italiano